Le Speranze Planetarie

By (author)Hervé Ryssen

30,00 


Il pensiero cosmopolita è attualmente il modo di pensare dominante in tutto l’Occidente. È il modo in cui un individuo vede e comprende il mondo attraverso il prisma dell’umanità, e non più attraverso ciò che gli è vicino e che costituisce la sua identità la sua famiglia, la sua lingua, il suo lavoro, la sua regione e la sua nazione.


 


Contrariamente agli altri Paesi del mondo, l’individuo occidentale cosmopolita si definisce “cittadino del mondo”. È nato sulla Terra, in una famiglia che non ha scelto, e si esprime in una lingua che ritiene gli sia stata imposta. Pensa che gli uomini di tutto il mondo abbiano un’origine comune – confermata dagli scienziati – e che abbiano la vocazione di fondersi di nuovo in un unico popolo, annullando così le loro differenze e preparando la pace universale ed eterna sulla Terra.

L’ideale sarebbe, inoltre, la scomparsa di tutte le lingue e che l’umanità parlasse una sola lingua, in modo che gli uomini possano capirsi e comunicare tra loro. La gestione degli affari umani sarebbe evidentemente affidata a un governo mondiale, la cui saggezza e il cui buon senso rifletterebbero sicuramente le speranze dell’umanità. Questo è l’universo mentale dell’uomo medio europeo cosmopolita.


 

Share with friends !
Dettagli prodotto

Editore ‏ : ‎ Omnia Veritas Ltd (16 marzo 2023)
Lingua ‏ : ‎ Italiano
Copertina flessibile ‏ : ‎ 510 pagine
ISBN-10 ‏ : ‎ 1805400495
ISBN-13 ‏ : ‎ 978-1805400493
Peso articolo ‏ : ‎ 677 g
Dimensioni ‏ : ‎ 15.24 x 2.62 x 22.86 cm

Indice

Introduzione

Parte prima: Il pensiero cosmopolita

Capitolo 1: Una terra per l'umanità

Gli zingari del cosmo
Lucy, la nonna dell'umanità
Una sola razza umana
Ecologia: scenario catastrofico
Uscire dall'età del ferro planetaria

Capitolo 2: L'ideale planetario

Cittadini del mondo
Governo mondiale
Tutti i nomadi
Improvvisare la propria identità
La società multiculturale
Ibridazione e miscegenazione
Consumismo cittadino
La società matriarcale

Capitolo 3: Il metodo planetario

Un grande disprezzo per i sedentari
La Francia dei bastardi
La colpevolizzazione sistematica
La saggezza è orientale
Frontiere aperte
Europa aperta
Guerre planetarie
Il mito americano
Alta finanza transnazionale
Cinema planetario
I nuovi ghetti

Capitolo 4: Messianismo

Attivismo messianico
Le fonti religiose del globalismo

Parte seconda: La fine del sogno messianico

Capitolo 1: I Saturnalia bolscevichi

I treni guida
Ottobre
Il Terrore
Dinamizzare le chiese
Una, due, tre rivoluzioni
La conquista delle capitali
Boia in movimento
Negare l'evidenza
Sospetto omicida
La terra non basta
L'élite intellettuale
La rovina dei mercanti
Il nemico del contadino
Nulla è cambiato
Ci si vergogna a leggere che
La grande carneficina
Mai in prima linea
Una morte sospetta
Un improvviso cambio di rotta
Abbandonare la nave a tutti i costi

Capitolo 2: Una discrezione esemplare

La disputa degli storici
Stalin, "il georgiano
Libro nero, pudore bianco
Le note a piè di pagina
Il messianismo trotskista

Parte terza: La mentalità cosmopolita

Capitolo 1: Il fallimento della memoria

Soprattutto per non parlarne
Gli ebrei, vittime del comunismo
Non abbiamo nulla a che fare con esso
Grossolane falsificazioni e provocazioni antisemite

Capitolo 2: Spiegare il fenomeno

Capri espiatori
Assassini politici
Conoscersi meglio
Il mistero assoluto
L'ingratitudine degli altri
Accuse infamanti
Sensibilità epidermica
Una minaccia permanente
La follia antisemita
Il testamento politico
Uomini come altri uomini
Tamburi e trombe
Uscire dall'ebraismo

Capitolo 3: Una difficile integrazione

Una presunta presenza invasiva
Paura del nero
La bestia deve essere cacciata
Prosopopea mediatica
Crimine intellettuale
Rifugio in Israele
Se va bene per me, va bene anche per te
La mafia della felicità
In mezzo a noi…

Author

You may also like…

  • La gerarchia dei cospiratori


    Storia del Comitato dei 300

    Molti di noi sono consapevoli che le persone che dirigono il nostro governo non sono quelle che controllano realmente le questioni politiche ed economiche, nazionali ed estere. Questo ha portato molti di noi a cercare la verità nella stampa alternativa. Spesso sentiamo dire che “loro” stanno facendo questa, quella o quell’altra cosa. “Loro” sembrano letteralmente in grado di farla franca con l’omicidio. “Loro” aumentano le tasse, mandano i nostri figli e le nostre figlie a morire in guerre che non portano alcun beneficio al nostro Paese. “Loro” sembrano fuori dalla nostra portata, fuori dalla nostra vista, frustranti e nebulosi quando sarebbe opportuno agire contro di loro.


    28,00 
  • Il fanatismo ebraico


    Il popolo ebraico promuove un progetto per l’intera umanità, un progetto grandioso che porta avanti da secoli contro ogni previsione: l’instaurazione della pace universale sulla faccia della terra. Il concetto di “pace” è al centro dell’ebraismo e non è un caso che questa parola (shalom in ebraico) compaia così frequentemente in tutti i discorsi degli ebrei del mondo. Non si tratta solo di un concetto religioso, o di una fede nell’avvento di un mondo migliore, opera di Dio in un futuro lontano, ma di un principio guida che determina l’impegno e le azioni degli ebrei nella loro vita quotidiana. Infatti, gli ebrei, attraverso il loro lavoro, le loro azioni e il loro coinvolgimento in politica, lavorano ogni giorno per costruire la “Pace”.


     

    30,00 
  • Psicoanalisi del giudaismo


    L’ebraismo non è solo una religione. È anche un progetto politico basato su un’idea principale: la scomparsa delle frontiere, l’unificazione della terra e l’instaurazione di un mondo di “pace”. Per gli ebrei religiosi, questa aspirazione a un mondo pacificato, unificato e globalizzato si confonde con la febbrile speranza dell’arrivo di un Messia che attendono da tremila anni. Egli verrà per restaurare il “regno di Davide”. Per gli ebrei non credenti, questo messianismo ha assunto la forma di attivismo politico secolarizzato a favore di tutte le utopie del globalismo.


     

    30,00 
  • La mafia ebraica


    Predatori internazionali

    Gli ebrei, attraverso i media, vengono invariabilmente presentati come vittime della storia. L’idea dell’ebreo sempre perseguitato senza motivo è antica quanto l’ebraismo stesso. Pertanto, è quasi assiomatico ritenere che gli ebrei siano incapaci di fare del male. Pertanto, un ebreo che è stato sia un gangster che un assassino può sembrare a priori sorprendente.


     

    30,00